prezzo
16,00 €
16,00 €

M. M. Driessen

Padre di Dio

Dio vive con la governante Bartje in una casa a forma di cubo. Impegna tutto il suo tempo nel miglioramento del creato, ma l’Uomo manda puntualmente all’aria i suoi piani. In preda alla frustrazione decide quindi di lasciare l’umanità a se stessa e di dedicarsi a passioni meno impegnative, come il fai–da–te e l’addestramento delle colombe, finché un pastore, Mosè, non irrompe in casa, dà una sbirciata alle bozze abbandonate della Genesi e sottrae i Dieci Comandamenti. Il Signore è così costretto a interessarsi nuovamente delle sorti delle sue creature, ma stavolta, decide, sarà un Dio più severo. Dopo una prima avventurasulla terra all’insegna della dissolutezza, vuole coronare un suo vecchio sogno: quello di avere un padre che possa fargli da mentore. Cerca un ruolo che gli permetta di tornare sulla terra e di “aiutare gli uomini senza perdere la faccia”. Sceglie quindi di rinunciare all’onniscienza e di incarnarsi in un bambino a cui spetterà il ruolo del Redentore. Giuseppe, padre prescelto dell’incarnazione di Dio, è consapevole dell’infaustodestino che attende Gesù, e nel disperato tentativo di sottrarlo alla morte prematura e al disprezzo dei suoi contemporanei, lo rapisce. Insieme, padre e figlio tentano di raggiungere il confine dell’Impero romano, dando inizio a un viaggio biblico dai toni on the road. Intanto, nei cieli, la fuga getta nello scompiglio gli angeli, che a Gesù preferiscono il carismatico Giovanni, cugino del Messia. In una narrazione dal ritmo serrato, costante, e con uno stile esatto e denso, Driessen pone e discute a modo suo due quesiti cui la Bibbia non dà risposta: dov’era Gesù tra i dodici e i ventisei anni? E soprattutto: ma che fine avrà fatto Giuseppe?

ISBN: 9788861101388 | Pagine: 264
Traduzione: Stefano Musilli
Frase Lancio
Un romanzo che non si lascia inquadrare con un aggettivo, un romanzo fantastico in tutti i sensi.
Frase Lancio
M. M. Driessen

È nato a Bloemendaal nei Paesi Bassi, nel 1954. Apprezzato regista teatrale e d’opere liriche, traduttore e scrittore, ha trascorso gr...

Versione Ebook
Recensioni

I convenzionali

Padre di Dio

Irriverente, molto, e toccante, altrettanto. È la storia di un padre e di un figlio. Di un uomo che ama, e vuole sottrarre al disprezzo dei suoi contemporanei e all’infelicità di una sorte di cui ha già piena consapevolezza quella creatura che gli è stata affidata. Giuseppe rimane figura non troppo centrale nella Bibbia, eppure è di un’importanza assolutamente capitale, e per tanti anni, dai dodici sino di fatto all’inizio della sua predicazione, e alla tragica morte, salvifica per l’umanità (Agnus Dei, qui tollis peccata mundi…), anche di Gesù sappiamo poco. Martin Michael Driessen, olandese che vive in una casa galleggiante in mezzo alla campagna, regista, traduttore e scrittore, risponde a modo suo, partendo da queste basi per un discorso più ampio, sulla genitorialità, la famiglia, la vita, i rapporti umani e la spiritualità: Padre di Dio, tradotto da Staefano Musilli per Del Vecchio, è un gran bel libro.
Clicca qui per leggere tutto l'articolo.

Mangialibri

Padre di Dio

Quando Dio prese il suo cavicchio e districò il tempo, cominciò a creare la Terra. In principio incaricò i druidi celti, ma il primo tentativo fu fallimentare; non si può affidare la creazione del mondo a una religione nata dalla Commozione per la Bellezza, e fondata da uomini con i capelli tremendamente rossi, per giunta. Così Dio lasciò il suo terrario e cominciò a dormire e sognare le cose che avrebbe creato. Nel frattempo la governante Bartje si prendeva cura della casa a sei vani a forma di cubo. Dio sognava e nelle stanze si materializzava di tutto, con grande sorpresa di Bartje: un orango parlante, un serpente, leprotti e conigli, agnelli, amplessi e poco prima del risveglio un uomo di nome Mosè arrivato fino alla casa di Dio per rubare i Comandamenti e le tavole della legge. Non era più il caso di dormire.
Clicca qui per leggere tutto l'articolo.

Sul Romanzo

Padre di Dio

L’autore del romanzo Padre di Dio (Del Vecchio 2015, traduzione di Stefano Musilli), il drammaturgo olandese Martin Michael Driessen, parte dalla Bibbia per scrivere un romanzo forse soprattutto sul mistero dell’amore dei padri per i figli. Non è certo il primo ad attingere alle Scritture per rinarrarne le storie anche in tono scherzoso (soprattutto nei Paesi di tradizione protestante), ma Driessen si accosta alla sua fonte con disinvoltura e creatività, creando un romanzo personalissimo, divertente e irriverente.
Clicca qui per leggere tutto l'articolo.

Parole incartate

Padre di Dio

Ci ho messo un po’ a digerirlo: dopo averlo finito non sono riuscita, come faccio di solito, a “voltare pagina” e prendere tra le mani un libro nuovo. Nessun altro libro, infatti, mi sembrava in grado di competere in bellezza con quanto avevo appena letto. E ho passato giorni a sospirare di questo testo e di quanto mi mancasse leggerlo con la voracità della prima volta manco fossimo stati fidanzati. E a dire a tutti di leggerlo, ovviamente.
Clicca qui per leggere tutto l'articolo.

Alleo.it

Padre di Dio

C’è una lingua ricercata in questo strano romanzo che mette insieme la storia della religione cattolica con la fantasia più creativa dell’autore. E tuttavia la narrazione scorre veloce sotto gli occhi, come se ci addentrassimo in un luogo che conosciamo bene (la storia della Bibbia) dove però sono cambiati totalmente gli arredi. E la vicinanza con cui Driessen mette in scena Dio, in casa con la governante Bartje, ci rende immediatamente prossimo questo personaggio con le sue indecisioni e le sue risolutezze, i suoi capricci e la sua infinità capacità di modellare sogni, mondi, relazioni umane.
Clicca qui per leggere tutto l'articolo.

Flanerí

Padre di Dio

Non saprei dire in che modo ma è stato un incontro sorprendente questa lettura, che mi ha portato a «camminare in bilico tra la farsa e l’elegia, tra blasfemia e religiosità», come racconta il traduttore del romanzo nella nota conclusiva. Assolutamente innegabile è però l’abilità dell’autore di gestire registri stilistici così distanti, di affrontare in maniera gentile un tema aperto alle più bizzarre soluzioni, di lanciare in aria una figura storica fondamentale come il Cristo con la catapulta della letteratura e lasciarla cadere su un morbido cuscino.
Clicca qui per leggere tutto l'articolo.

Libri dello stesso autore
Libri della stessa collana
Registrazione
Se non sei ancora registrato, effettua adesso la registrazione.
Login