Autori

Leonhard Frank

NASCE A WÜRZBURG NEL 1882 da una famiglia umile. Frequenta la severissima scuola evangelica, in una regione e una città di storia e cultura radicalmente cattoliche, e dopo il diplomadi artigiano si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Monaco per diventare pittore.
Nel 1910 interrompe la propria formazione per recarsi a Berlino. Frank è una presenza costante nei Caffè e nei circoli artistici, ma non vuole essere parte di nessuna cerchia: ritiene che ogni sistema sia finalizzato al mantenimento del potere e che in ogni cerchia si rischino dinamiche di sopraffazione. Riconosciuta la propria vocazione, dopo alcuni brevi racconti, dà alle stampe il suo primo romanzo, che vince subito il Premio Fontane. “Pacifista della prima ora”, si rifugia in Svizzera durante la Prima Guerra Mondiale, dove stringe amicizia con Alvarez del Vayo e frequenta gli artisti del Dada e gli scrittori engagé. Tornato in Germania, è controllato dal regime nazionalsocialista e costretto di nuovo all’esilio. Nel 1933 si sposta in Inghilterra, poi in Francia, dove viene internato nei campi di lavoro, poi finalmente riesce a fuggire in America nel 1940. Si stabilisce a Hollywood, scrive per la Warner Bros. e frequenta Thomas Mann, Franz Werfel e gli intellettuali tedeschi ormai di casa in California. Infine si sposta a New York e poi torna in Germania, nel 1950. Ma l’accoglienza non è gloriosa quanto meriterebbe, e decide di spostarsi a Berlino Est, dove può contare sull’apprezzamento dell’amico Johannes Becher. Muore a Monaco nel 1961.

Leonhard Frank (September 4, 1882 in Würzburg - August 18, 1961 in Munich) was a German expressionist writer. He studied painting and graphic art in Munich, and gained acclaim with his first novel, The Robber Band (1914, tr. 1928). When a Berlin journalist celebrated in a famous café about news of the loss of the ship RMS Lusitania, torpedoed by a German submarine, Frank was upset - and slapped the man in his face. That is why he went into exile in Switzerland (1915–18), where he wrote a series of pacifist short-stories published under the title Man is Good. He returned to Germany, but after the Nazis gained power in 1933 Frank had to emigrate a second time. He lived in Switzerland again, moved to London then Paris and finally fled under adventurous conditions to the United States in 1940, and returned to Munich in 1950 following the war. His best-known novels were In the Last Coach (1925, tr. 1935) and Carl and Anna which he dramatized in 1929. In 1947 MGM made a movie titled Desire Me out of this story.

I libri di Leonhard Frank
Incontra i nostri autori
16
giugno -
ore 21.15
Spazio Autogestito Arvultura / via Abbagnano 4 / Senigallia
Registrazione
Se non sei ancora registrato, effettua adesso la registrazione.
Login